💙 PERCHÉ ER CIELO È BLU 💙

«La banda dello spettro elettromagnetico riflessa dall’occhi tua me ricorda du’ zaffiri»

[Lord “Romeo” Rayleigh]

Pe Dilla Tutta: co li post de chimica coatta è cicciato spesso fòri lui, John “Scatman” Strutt, Er Terzo Barone Rayleigh fu uno scienziato quantomodo coatto.

Pe divvene solo un paro:

descrisse lo scattering della luce, ovvero quanno ‘a luce se sparagna da tutte le parti quando incontra particelle abbastanza piccole. Se fece tutti i calcoletti e vide che sto scattering dipende sia dalla grandezza de’e particelle che dalla lunghezza d’onda daa luce che passa, ovvero dar suo colore.

Mo’ siccome che er blu cià ‘na lunghezza d’onda più piccola der rosso, li calcoli der Rayleigh te dicheno che ner cielo verrà diffuso più facilmente er blu. Quanno vedi invece tutti colori strani vordì o che i raggi der Sole stanno a fà angoli diversi con le particelle nell’aria, tipo ar tramonto, o anche che popo l’aria è strana, cioé cià particelle de diverse dimensioni che cambiano er modo in cui passa ‘a luce.

Pe studià mejo sta faccenda inventò pure er Prisma de Rayleigh, robba da flashoni peggio dei Pink Floyd pe vedé tutti li colori dell’arcobaleno, pure quelli segreti che la Troika teneva nascosti.

Studiò er fenomeno della capillarità e della tensione superficiale ma bene, tarmente bene che in fluidodinamica (ripetilo 3 vorte) è noto il Numero di Rayleigh che serve a descrive il moto di un fluido viscoso.

Vinse il Nobel pe la scoperta dell’Argon*. Così, a buffo. ]

rayleigh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto