Er VOYAGER

«Ma ndo cazzo e’ arivata questa?»
[Mack Oyonee]

«A ma’, nun torno pe cena..»
[Voyager 2]

Pe dilla tutta, Voyager 2 è na sonda spaziale ammerigana che ‘nsieme a su sorella gemella Voyager 1 venne progettata nell’anni ‘70 daa NASA pe l’esplorazione der sistema solare esserno, nell’ambito der programma (a)VOYAGER (chetoodicoaffà).
Er 20 Agosto der ‘77 un razzo Titan III Centaur la lanciò da Cape-capocotta-Canaveral, dando er via ad una dee missioni più ‘gnoranti daa storia dee missioni spaziali.
L’obiettivo iniziale daa missione era de avvicinasse er più possibile a Giove e Saturno pe fasse alla grande i cazzi loro.

Anfatti, er 24 Aprile der ’79, co tutta carma, Voyager 2 cominciò a trasmette a tera li primi dati de zio Giove-bove e, a differenza de su sorella Voyager 1, s’avvicinò na cifra – n’accollo bestiale – alle lune gioviane, mandando ‘n boato de foto spettacolari de Callisto (che nun è solo er bar de Trastevere), Ganimede, Europa ed Io (ma Io chi??! Vabbè se semo capiti).
Nun contenta, sta mosca tse-tse de Voyager 2 je fece n’antra visitina a quer panzone de Giove, passando a circa 645 mila km de quota (che sembra tanto ma nun è tanto manco pe gnente, considerando che la nostra Luna ce gira intorno da na distanza de circa 400 mila km) inviando a Tèra na serie de informazioni sulle nuvole der pianeta.

A ‘n par d’ore daa seconda visita, presi caffè e ammazzacaffè, st’accollo volante de Voyager 2 proseguí er viaggio direzione – terme de – Saturno, dove arrivò ‘n par d’annetti dopo, er 22 Agosto dell’ottantuno, sorvolandolo a circa 101 mila km de quota, inviando no svario de foto – da rifasse l’occhi popo – delle lune de Saturno.
Durante sto ber giretto, la sonda attraversò a manetta (circa 13 km/s, mortacci!) er piano degli anelli de Saturno (senza rubà gnente perché è na Signora), venendo corpita ripetutamente da sti sassolini, tant’è che da allora gira cor parabrezza ‘ncrinato. Se narra che dar controllo missione je chiesero “Ahò, ma chi erano quelli?” e lei rispose “Tranquilli, du’ de passaggio”.

Uno pò di’ “vabbè er lavoro suo l’ha fatto sta pòra creatura” e ‘nvece no, quei coattoni daa Nasa decisero de continuà sto tour spaziale, sfruttando n’allineamento planetario che bbbbbbbbuciodeculo proprio. Ndo te l’hanno mannata? Affan..a visita a Urano e a Nettuno, “armeno se pija na cosetta ar porto e s’arilassa n’attimo”.
Cosí, er 24 Gennaio doo ’86 passò vicino ad Urano (a circa 81 mila km), scoprendo 10 nuove lune, due nuovi anelli e studiando i venti daa atmosfera der pianeta. Er 25 Agosto doo ’89, invece, passò a 4800 km da Nettuno, diventando er primo oggetto umano daa storia ad avvicinasse a st’artro peso massimo der sistemone nostro, scoprendo 6 nuove lune e 4 nuovi anelli (no Svaroski) e mostrando che è molto più attivo de quello che se credeva.

A quer punto iniziò n’antro viaggio epico, verso i confini der sistema solare e oltre (Che Buzz Lightyear levete proprio).
Sta discolona è ancora in attività, anche se limitata pe la strumentazione mezza vecchia e rovinata, e coi suoi quasi 43 anni de servizio è in assoluto la più boomer de tutte le sonde spaziali daa storia.
Mo se trova a oltre 18 miliardi de km dar Sole, in attesa de riceve ‘a pensione.

Se nun è coatta lei, ditece ‘npo’ chi dovrebbe da esselo.

La Scienza Coatta Finche Avojager va lascialo anna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.