‘a JUNO

LA SIGNORA DEGLI ANELLI

«Juno (Giunone) è er nome daa moje der dio Giove, la dea che fu ‘n grado di scrutà tra le nuvole e rivelà ‘a vera natura der marito. E poi Galileo l’avevamo già usato»
[la NASA peddavero]

Pe dilla tutta, Juno è na sonda spaziale dedicata a quer coattone de Giove, er pianeta più massiccio der sistema solare.
Dopo ‘a missione Galileo, che negli anni ‘90 ha fatto er panico in quei pizzi, Giove non se l’era filato quasi nessuno. Giusto un par de saluti ar volo da Cassini e New Horizons, che però passavano de lì pe annà altrove.
Allora pe fà giustizia ariva Juno.

A bordo daa sonda ce sta ‘na lastra co impressa sopra la faccia de nientepopodemeno che Gali-Gali, e na copia der manoscritto su cui ha descritto li satelliti quanno l’ha scoperti ner 1610. E siccome che a quelli daa NASA je sembrava d’esse stati poco coatti, cianno pure messo sopra tre omini daa lego che raffigurano Gali-gali, er dio Giove e ‘a dea Giunone, moje de Giove, e le hanno fatte d’alluminio ché de plastica se rovinaveno ner viaggio.
A’ NASA dice che l’hanno messe pe convince i piskelli ad appassionasse a la scienza, ma ‘a vera verità è n’artra: a ‘na riunione de scienziate cervellone e de autori de Boris hanno esaggerato cor mojito e uno s’è arzato urlando “cio‘n idea: mettemo gli omini daa lego sulla sonda, cosi de botto, senza senso!” Tutti in coro a gridà “GENIO!” e quanno se so ripresi era troppo tardi.

Juno – co sta ciurma de pupazzetti stile Lego Movie – parte ner 2011 e ariva a destinazione a luglio der 2016 e anche se je dicono “scialla zì, devi lavorà pe ‘n anno e mezzo e amo finito” lei gnente. Sta ancora là. E fino a fine 2021 nun ne vo’ sapé: continua a macinà scienza senza manco chiede gli straordinari de Aprile.
Durante tutto ‘sto tempo mica sta a pettinà le bambole Lego. Nun sia mai.
Te studia er campo magnetico e quello gravitazzionale der pianeta, ‘a composizione dell’atmosfera de sto gigante, ‘a forma e er modo in cui se formeno le aurore ai poli, cerca de capì che ce sta ar centro der pianeta (‘na roba liquida? ‘na roba rocciosa? bbbbooooh!), e nei weekend pe nun annoiasse scatta foto da paura, fa l’influencer su ISSAGRAM e chiunque può scaricalle dar sito loro e giocacce a falle più fiche.

E poi la NASA te le pubblica cor nome tuo. Ma solo si nun te chiami Gustavo La Passera.


La Scienza Coatta Grande Giove

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.