‘A ROSETTA

«Io nun dormo. Io vado in letargo.»
[Sonda Rosetta. Mezzo pe davero.]

«Oh cazzo!»
[Andrea Accomazzo, responsabile delle operazioni di volo di Rosetta. Pe davero.]

ROSETTA, QUANDO LA TIGNA E’ TUTTO


Pe dilla tutta, Rosetta è la mitica sonda che, ‘nsieme a quell’altro coattone der lander Philae, ha seguito e studiato la cometa 67/P, pell’amici “‘a paperella”.
Non tutti sanno che Rosetta doveva partì ‘n anno prima, in teoria, solo che poi OPSSSECCAALLA’ t’è schioppato er razzo previsto pe er lancio e allora se so detti che no, che forse era mejo rimandà.

L’unico probblema probblematico, è che a rimandà de ‘n anno nun è che ‘a cometa su cui dovevi annà te dice “aò zì, te capisco, problemi tecnici: fai co li tempi tua che t’aspetto eh”. Quindi alla fine er lancio da‘a paperella è diventato ‘n caso.
Nonostante lo schioppo e le ansie de riscrive tutti li programmi de viaggio in poco tempo – stile 8 esami in sessione estiva – Rosetta se ne sbatte i pannelli solari e parte nel 2004. Passa i primi anni de vita a sorvolà pianeti e asteroidi e a fà ‘n quantitativo de scienza veramente ‘GNURANTE.

Tutto annava bene ma poi, così de botto senza senso, s’abbiocca. La locura de Rosetta. “E che devo fà tutto io in sto sistema solare?!” pare sia stata l’ultima comunicazione prima der letargo.

Morale: ninnanannaninnao, tutta spenta, nessun segnale de vita, modalità aereo, saludos amigos, hasta luego, kaput, questo pe tipo du anni e mezzo e poi – sempre de botto – a gennaio 2014 se riaccenne, è fresca come ‘na rosa, roba che manco l’ingegneri e li tecnici ce credevano, Rosetta The Walking Dead Lazzaro Ecchicedenòvoqui.
E con la stessa nonscialans ad agosto 2014 s’aggancia all’orbita daa cometa, e da lì in poi, pe più de du anni je s’ACCOLLA che manco ‘no stalker, ‘na manovra der tipo facile come trovà parcheggio a Trastevere de sabato sera senza tirà ‘na sola bestemmia.

Ma lei c’è riuscita anche grazie a quer gran genio de Andrea “Leclerc” Accomazzo alla guida.
E siccome che giraje attorno a sta cometa nun j’abbastava, cià pure lanciato sopra quer gran coatto de Philae, che però – n’antro colpo de scena – rimbarza e finisce in un crepaccio, ma in questa storia de tecnologie zombie che risorgono dall’oltretomba tipo Jon Snow – pure lui rimane in vita e continua a fà scienza e a mannà dati a rotta de collo, finché nun finisce le batterie.

Alla fine – come Romeo e Giulietta – avemo spedito pure a sòra Rosetta a morì in sur la cometa – come simbolo pe l’eternita’ de ‘n amore zombie tra tecnologie coatte che nun morono mai.


La Scienza Coatta Viva l’AMMORE pe le rosette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.