Molibdeno

Devi sapé che ar Molibdeno er callo nun je fa ‘n cazzognente e ‘nfatti, insieme ar Tantalio e ar Tungsteno*, se la scoatta perché cià ‘a temperatura de fusione più arta de tutti l’artri elementi. Certo, dovemo dì che tra quei tre er Moly è quello che ce l’ha più bassa, però sticazzi: co 2600 gradi e spicci fà er suo e te ciai solo da portà rispetto.

Paragonato a quell’artri ddue però è ‘na cifra più smilzo, der tipo che a parità de volume te pesa circa la metà: per questo er MoMo se usa un sacco proprio ni’i materiali che cianno da esse leggeri e resiste alle arte temperature, tipo pe fà le parti der motore der motorino tuo o le scocche di’i razzi, tutte cose che de tungsteno sarebbero mejo eh, ma troppo pesanti.

La storia de’a scoperta sua è legata a quella de ‘n idolo totale de’a chimica, il buon Carl Wilhelm ‘occhiochetesenculano’ Scheele, er chimico più sfigato de’a storia. ‘Sta capoccia aveva capito che ne’a molibdena, nun ce stava la grafite o er piombo, ma ‘n elemento nòvo nòvo: stava così gasato che s’era fatto anche er film de come potè fà pe isolallo, ma nun ce la fece perché gli serviva un forno più potente che lui non ciaveva! Così tipo un paio d’anni dopo, ‘n amico suo Peter Jacob ‘tenculoio’ Hjelm – evidentemente dopo avè fatto un salto da Mediaworld – te tira fòri er molibdeno puro puro e se becca tutto il merito.
Sembra ‘na storia de quelle che me dici ‘vabbè ce stà, ma er fatto è che nun era né la prima né l’ultima vòrta pe er povero Carletto, che, insieme ar Molibdeno, t’ha scoperto anco l’ossigeno, er cloro, er manganese e er tungsteno, ma se li è sempre fatti fregare da sotto ar culo da quarcuno più svejo de lui. Che faciolo er Carl!

* Sulla tavola se trova come Wolframio (W), giusto pe mette tutti d’accordo.


La Scienza Coatta, l’amichi chimici e chi nun too dice caa mano a cucchiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto