* ‘AA DONNA DER SACCO CHE VALEVA ‘N TESTONE *

«I bambini? Me piaciono ‘na cifra»

[Erode]

«Si nun lo sai che ce sta er libro de La Scienza Coatta, sallo»

[https://www.ibs.it/barucca-iannaccone-scacchi/e/9788811602576 ]

Pe dilla tutta: ce lasciava oggi, ma ner 1952, Maria ‘ciò er metodo’ Montessori, educatrice, pedagogista, filosofa, medico, scienziata e tumadre italiana.

Sta bona donna ciaveva ‘na capoccia grossa così: mentre alla scola materna (haha) pareva abbastanza ‘na pippa ar sugo, ae superiori se appassionò popo de còre a’a scienza, diventando ‘na scheggia in matematica e biologgia.

‘A cosa che l’ha resa più coatta, però, è stata l’invenzione der metodo pedagogggico che porta er nome suo, ispirato ar fatto de lascià che er pupo fosse libbero de ‘nventà’, de creà e de fà er coattone come più je piaceva. Tipo regà, che pure i fondatori de Gugol so stati educati co sto metodo, che je piaceva tanto anche a quei coatti inventori-scienziati de Edison e Bell.

A San Lollo, dove te te vai a fà le canne ‘n piazzetta e a pijà la pizza broccoli e sarsiccia da Osvardo, ‘a Montessori cià aperto ‘a prima Casa dei bambini, pe educa’ i fiji dei poracci der quartiere. Ce staveno giochi, costruzzioni, libbri, tutte cose che ‘sti pupetti ce se chiudeveno ‘na cifra, se divertiveno e ‘mparavano a ‘mpara’. Capito che robba?

Sì, zì, quella sulla mille lire era popo che lei

montessori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto