La donna che divulga forte

♀❣ GIOVEDì GNOCCHE ❣♀

Ve entramo a metà mattinata a gamba tesa coooooo….

𝗟𝗔 𝗗𝗢𝗡𝗡𝗔 𝗖𝗛𝗘 𝗗𝗜𝗩𝗨𝗟𝗚𝗔 𝗙𝗢𝗥𝗧𝗘

«Giudicatemi in base ai li o ai difetti mia, ‘a sola responsabile de tutto ciò che sono, che dico, che faccio»
[Émilie DONNA MODERNA du Châtelet]

Pe dilla tuttéé: Gabrielle Émilie Le Tonnelier de Breteuil marchesa du Chatelet, pe l’amichi Émilie du Châtelet, nasce a Parigi ner 1706 in una famija na cifra ricca, e questo ‘o potete capì da’a quantità de nomi che ciaveva. #ciaopovery

Er padre lavorava a’a corte de niente popo de meno che er Re Sole. Anche se n’era er rampollo (maschio!) de famija fu sempre stimolata a studià. Conosceva er latino, er greco, er romanesco e er tedesco, l’inglese, je piaceva er teatro e ‘a danza. Quasi da autodidatta raggiunse livelli de istruzione universitari, grazie pure ar fatto che nei salotti bene de Versailles, che era tipo come i Parioli de Parigi, conversava co gente tipo Eulero, Bernoulli e Buffon (che bada nun è er portierone da’a nazionale , ma ‘no scienziato come l’altri due). E era popo na spada, visto che pe guadagnacce quarche piotta se metteva a fà conti matematici pe consiglià ai giocatori d’azzardo che mosse fà- artro che bacetto portafortuna sui dadi e tombole natalizie, a avecce la marchesa da’a parte tua te poteva fa svortà ‘a serata!

E talvolta er fatto che fosse una donna un po’ je bruciava agli scienziati magnabaguette de quei tempi, che nun la volevano mica fà partecipà ai loro discorsi. Ma lei non se scomponeva mica, se vestiva da omo e ce annava lo stesso, come Lady Oscar (Laaady Ooooscar, nei tuoi occhi azzuri c’è il seno e coseeeeno, coooseeenooo)

Nun era comunque ‘na chiusona e basta, partecipava pure all’eventi mondani de corte, ed ebbe una lunga tresca co Voltaire, che la trovava l’unica donna in grado de pareggià la sua intelligenza (e scusatece se è poco) e la parte mijore de se stesso (anvedi che dorce!).

Accanto a lui inseguì er desiderio de capì er monno, pubblicando personalmente libri e traduzioni de trattati, soprattutto de Newton; era tarmente in fissa co Newton che er Voltaire la antitolava pe scherzà Madame Pompon-Newton, della serie fronzoli&scienza vanno a braccetto. Pe fa ‘n esempio, tradusse in francese I Principia dove er Sor Newton aveva scritto i principi de’a dinamica e ‘a legge de gravitazione universale, peddì, e lo commentò pure correggendo dei carcoli. Pubblicò nel 1737 gli Elementi della filosofia di Newton pe fa capì er lavoro de ‘sto scienziato pure a chi nun aveva studiato tutta qua’a matematica.

‘Nzomma, è stata la mattocoatta der Settecento , però vabbè, durante er Secolo dei Lumi, sònava mejo parlà daa sua vita privata, che era na figa rimorchiona, l’amante di tizio, ‘a moje de caio.
Poi dici perchè una se rompe er ca.

@lascienzacoatta ARIDIMOLO UN’ALTRA VOLTÉ CHE NUN ABBIAMO COMPRÌ POPO BIEN

#giovedignocche#scienziatecoatte#lacoattanzaèdonna#girlpower#womeninscience#girlsinscience#emileduchatelet

Dice che Emilie a’e feste de corte ciannava co questa: https://worthwearing.org/store/la-scienza-coatta/international-day-of-women-and-girls-in-science/shopper

Emilie du Chatelet - Tua a mua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.