Er BepiColombo

«Sò piccolo, sò snello, coro come a Maranello»
[Mercurio, er bello de nonna der sistemone]

Pe dilla tutta Mercurio è er primo pianeta pe distanza dar Sole ed è ‘n pianetino tarmente riservato che pe programmà la missione pe spizzasello cianno dovuto pensà pe così tanto tempo che quasi quasi se faceva prima a annà a fette, tipo’a matina sulla tangenziale.

La partenza de BepiColombo, la missione dedicata a Mercurio, er pianetino timidino, è stata rimandata tarmente tante vorte che quanno l’ha saputo la metro C s’è vergognata pe lui.
«Scusate, avevamo messo er countdown der lancio su Internet Explorer», hanno dichiarato li tecnici addetti ar lancio.
Ma alla fine sta missione pe stalkerà Mercurio è partita popoche er 20 ottobre 2018 e ci metterà 7 anni ad arrivà a Mercurio, non tanto pe la distanza, ma perché ha un’orbita che è tarmente un bordello che c’è voluto quer genio de Giuseppe “Er Mago der Flipper” Colombo (detto Bepi) pe capì come avvicinallo.

Er Bepi, anfatti, che t’era sia un matematico che ‘n ingegnere – anacapito – nell’ anni ‘70 t’ha sgamato che pe paparazzà Mercurio toccava fà i rimbarzoni gravitazionali tra i pianeti – tipo quanno facevi i record ar flipper na’a sala giochi de Orbetello – pe intrufolasse nell’orbita de Sailor Mercury e faje de’e belle foto compromettenti.
Fu solo grazie ar sor Bepi e alle sue intuizzioni ggeniali de traiettoria cor tiki-taka gravitazionale che la sonda Mariner10 nel 1974 riuscì ad arrivà a destinazione.
Ma a Bepi nu’j’abbastava, e mentre faceva le tattiche tipo Guardiola capì pure che Mercurio sta ‘n risonanza 3:2 tra periodo di rotazione e di rivoluzione, ovvero fa tre giri su se stesso ogni du orbite attorno al Sole – tipo er 3×2 all’ipermercato.

Dopo 7 anni de rimbarzoni, ner 2025 BepiColombo se aggancerà all’orbita de Mercurio, farà ‘na mappatura completa daa superficie der pianeta, daa sua composizione, der suo campo magnetico e pure de quello popoche gravitazionale.
Anfatti, già che sta là, ha pensato bbene de coje la palla ar barzo e misurà pure er moto der pianeta con n’accuratezza mai ottenuta prima, pe testa ‘na vòrta in più ‘e teorie mattocoatte der campo gravitazionale de
Albertone “De Big Flessione” Einstein.


La Scienza Coatta: Mercurio, ‘ndo credi de scappa’?


📷 Credits: Spacecraft: ESA/ATG medialab; Mercury: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Carnegie Institution of Washington

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto