Porvere de stelle

♀❣ GIOVEDì GNOCCHE ❣♀

Ve entramo a metà mattinata a gamba tesa coooooo….

𝐔𝐍𝐀 𝐃𝐎𝐍𝐍𝐀 𝐂𝐇𝐄 𝐓𝐄 𝐅𝐀 𝐕𝐄𝐃𝐄 ‘𝐄 𝐒𝐓𝐄𝐋𝐋𝐄

Pe dilla tutta: a regà, oggi se focalizzamo su Williamina Paton (za) Stevens Fleming, n’astronoma scozzese de quelle che William Wallace scansate proprio co quer gonnellino. Te la ritrovamo ner Massachusetts -stato americano che ha visto nasce pure James Pallotta, co ‘na creatura da cresce perché er marito s’era dato prima de vedella nasce, va a lavorà come cameriera da ‘n certo Edward Pickering, er direttore dell’’Osservatorio de Harvard.
Ao pronti? Che, te lo stamo a dì, dalle stalle alle stelle pe lei s’è rivelato vero.

Se da er caso che tra festini universitari e distrazzioni varie, l’allievi der sor Pickering erano popo scarsi, de quelli che confondono “na cometa pe n’par de satelliti”. E anfatti je disse (pe davero) “Aò, ste cose le fà mejo quella che me spiccia casa!” E ciaveva raggioneee, perché Williamina Fleming, ‘a governante sua je dava popo che na pista.

Se trovava popo a suo agio in quer de Harvard, e diventa ‘a prima a studia le stelle co le lastre fotografiche dell’università. Scopre che je piace ‘n botto catalogà ‘e stelle, e inizia allora a classificalle in base alla quantita de idroggeno che se vede da’o spettro. La mejo scoperta sua fu la nebulosa Testa de Cavallo (che n’centra gnente co Don Vito Corleone), n’ammasso de gas e porveri sotto ‘a cintura de Orione, ma i cataloghi dell’epeca all’inizio anniscosero er nome suo daj’inventari pe nun daje er copy: quando Orione fa rima co cojone, che tipi.

E visto che è sveja, tanto sveja, sor Pickering la sfida a fà li calcoli, e lei ce riesce tarmete bbene che la mette a capo der best team de altre donne, un ber gruppetto de sailor moon che fa ‘n sacco de scoperte (a’a faccia de quei rincojoniti de prima). Ve ricordate regà? Er cosiddetto “Harem de Pickering”*, i compiute’ umani: ovvio, erano pagate la metà de n’omo, ma oh, come era precisa precisa ‘na donna a fà sto lavoro…

E pe non fasse mancà niente, pubblica pure no studio su 222 stelle variabili da lei scoperte…222, state a capì? Pe una che nun aveva mai avuto nessuna istruzzione in astronomia era na cosa spaziale.
E pe la serie, pijateve sti du’ swiffer, la Fleming fu ‘a prima donna americana eletta alla Royal Astronomical Society.

Nsomma se proprio volemo pensà che se n’è andata da quarche parte, ce piace pensalla su quer cavallo, mentre ce grida “Se guardi ercielo e fissi na stella, se senti dei brividi sotto a pelle, non copritte, nun cercà calore, nun è freddo ma è solo 𝑎𝑚𝑜𝑟𝑒 𝑎𝑚𝑜𝑟𝑒 𝑎𝑚𝑜𝑟𝑒”. (Khalil Gibran + Un sacco bello)

La Scienza Coatta ma che porvere…porvere de stelle!

#giovedignocche#scienziatecoatte#lacoattanzaèdonna#girlpower#womeninscience#girlsinscience#haremdipickering#willalminafleming

* Nun te ricordi? Rimedia subbito:
https://www.facebook.com/LaScienzaCoatta/posts/2603200716633223

👉 Dice che insieme a’o squadrone, all’osservatorio ciannava co questa:
https://worthwearing.org/store/la-scienza-coatta/universo-coatto

Williamina Fleming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.