MA VA….nadio

V – vanadio, 23

Pe i Romani V era er 5, uno scudo, per i fisici V è er voltaggio, per tu madre V è la scollatura che sfoggia a Fregggene, ma pe noi c’è ‘na V sola, V FOR VANADIO: er terzo elemento de’a serie de transizione. È un metallo morbido e grigio che se usa come additivo ne l’acciaio, il suo ossido serve pe catalizzà la sintesi dell’acido solforico, acido come tu cuggino quo’o da’a Lazio.

Fu scoperto pa’a prima vorta in Messico e Nuvole nel 1801, in un minerale, da Andrés Manuel ‘Taco Gonzales’ del Rio che lo chiamò PANCHROMIO perché li sali de ‘sto nuovo elemento ciavevano un sacco de colori fashion abbestia, tipo blu, verde, rosa, giallorosso e tutto il resto, tranne azzurro Lazio.
(Se nun hai fatto er – o non ti sei mai fatto uno o una der – classico, ‘pan’ vor dì tutto, e ‘chromos’ colore, quindi ‘tutti li colori’.)

Pe fasse riconosce la scoperta Er Manu te mannò in Francia i campioni e l’analisi che aveva fatto, ma, durante un nubifragio, se persero in mare ‘na cifra de cose, e quei pochi campioni che arrivarono furono scambiati pe dei minerali de cromo: i francesi je dissero ‘mira il dito’ (poco politicamente corretto da parte dei baguettari) e Er Manu triste tornò a fasse le sieste.

Poi tipo 30 anni dopo, un tizio svedese Nils Gabriel ‘Ikea’ Sefström te va a trova lo stesso elemento in Svezia e lo chiama VANADIO, in onore a Vanadis, dea nordica de’a bellezza, perché – guardanpo’te – i sali di questo nuovo elemento erano colorati e fighissimi.

A ‘sto giro nessuno ciaveva niente da ridire, Svezia prende e porta a casa. Nun passo molto tempo però che la paternità della scoperta fu ristabilita, e Nils e Manu fecero pace brindando co Margarita serviti su tavolino Ikea. Alla salute da’a scienza!


La Scienza Coatta e gli amici chimici Vanagloriosi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto