PLANCK, L’OMO DEI QUANTI

«Erwin, ma er gatto tuo che cazzo de fine ha fatto?»

[Max Planck, a Schroedinger]

«Che tajo!»

[Acca, la costante di Planck]

Pe dilla Tutta: Ecchite la storia de come Massimiliano “Er Corpo Nero” Planck, t’ha smontato, spergiurato e riappiccicato la realtà che ce sta attorno, assieme ar solito Baffone.

Er Max veniva emesso dalla cavita da’a madre popo che er 23 de Aprile der 1858 in quella capitale della Movida che NON è Kiel in Germania.

L’intuizione mattocoatta der Conte Max, che all’inizio puro a lui je pareva nientedeché, era l’idea der fotone, er quanto de luce, ovvero er fatto ch’aa luce, come la materia, è spezzettata in tanti piccoli granelli, tipo la sabbia de Sabaudia, de energia.

Mpratica er Max stava co tutti li capoccioni amici sua, dar Baffetto, e anacerta dovevano ordinà li supplì, siccome s’era già preso 3 fiori de zucca, er Max chiese de avé mezzo supplì. Per poco nun lo facevano a tocchi come la luce, perché er mezzo supplì nun esiste, nun se pò fà, er supplì lo puoi prende solo intero, ne pòi prende 2, 3, 12, 27, millemila, ma no mezzo, lo pòi prende a ondate, ma mezzo no.

Paro paro come la luce, armeno un fotone too devì prenne. Co sta teoria daa luce riuscì prima de tutto a fasse rimborsà la pizza dall’Università de Berlino, dopo de che puro a spiegà li fenomeni de assorbimento ed emissione daa luce nei materiali e un boato de fenomeni molecolari, atomici e subatomici.

Ultima cosa: ‘a teoria quantistica nun vòrdì che potemo legge er pensiero grazie ar potere dee onde cerebrali. Ciavemo provato, nun funziona. Sò tutte fregnacce.

planck

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto