Elio, bello come er Sole

«GIALLO COME ER SOLE, ROSSO COME ER CORE MIO»

He – elio, 2


L’Elio è stato scoperto ner 1868 osservanno ’e radiazioni luminose durante n’eclissi solare e peqquesto j’hanno dato ‘n nome umile: Helios, dio greco der sole. De solito è ‘n gasse.

Dopo l’idroggeno, è l’elemento più leggero e più diffuso d’universo. Ah, n’antra cosa, l’elio nelle stelle lo mette ar monno l’idrogeno ca’a fusione nucleare. Su‘a Tera, ‘nvece, n’è così comune: l’unica cosa che te poi ‘nventa è er decadimento radioattivo de quei ciccioni de Uranio (U, 92) e Torio (Th, 90).

Ma mica pell’aria: ‘sto trucchetto lo poi fa sotto tera. Mò ‘a prossima volta ch’o sprechi pe gonfiacce ‘npalloncino, pensace. Panchinaro da ‘na vita, come Juan Jesus, l’elio è incolore, inodore, insapore, non tossico e inerte, ‘nsomma: n’è bono penniente. Nun s’ammischia co nisuno: a dilla tutta, è er primo dei gas nobili e come nobile je fa popo schifo mischiasse c’aa plebbe dell’altri elementi.

Dato che se la sente calla, pei chimici l’elio è sinonimo de stabbilità, e dato che bolle già a -268 °C, l’Elio liquido se usa come refrigerante pe i magneti superconduttori, mentre quello gassoso come atmosfera protettiva pe i semiconduttori e fibbre ottiche, pe ‘e bombole dei subb e, visto ch’è più leggero dell’aria, se usa pure pe gonfià i diriggibbili, ‘e mongorfiere, e i palloncini che volano (aridaje).

L’uso più coatto rimane però quello de respirasselo pe fa ‘a voce come i cuggini de campagna. ANIMA MIA… DE LI MORT*** TUA


La Scienza Coatta e li amici chimici t’apparecchiano la tavola un protone alla volta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto