Rifiuti radioattivi

🌍#PIANETATERA🌍 NUMMERO VENTIDUE 🌍

A ‘na certa quarche giorno fa, così de botto, è rimbalzata npò da tutte le parti ‘na notizia bomba: pare che stanno a progettà na specie de zona dove conservà i #rifiuti radiattivi. Ma che davero? Nsarà che me li mettono sotto casa e me ritrovo tipo Donatella Versace? Avecce ste reazioni, così de pancia, è ‘na cosa normale: er #nucleare pareva ‘na cosa archiviata e invece è una de quee cose che butti da’a porta e riciccia da’a finestra.

Ma nun se pò fà i vaghi, sti rifiuti nucleari ce so sempre stati e nun se possono nasconne ne’e tasche der giacchetto come er fumo puzzone de quanno facevi ‘e superiori.

Fino a mo in Italia ce stanno tipo venti siti provvisori ndò stanno intombati sti rifiuti radiattivi. Sta cosa che so provvisori npò puzza, e nfatti pare che sti posti non so propo idonei, anzi pe gnente. Que’e cose fatte all’italiana, brava gente sì, ma peracottara pure.

Ora nun se sa se se semo svejati de botto, o volemo fà bella figura co sta Ugnone Europea che ce vole fà ‘na murtona, però avemo ‘ncominciato a pensà a 67 zone fatte meglio dove mettece sti rifiuti. A sto punto uno vole sapé da ndò vengono: ecco, ce stanno soprattutto quelli che se chiameno “a uso civile”, cioè vor dì che so quelli che vengono dall’attività degli ospedali, da’a cosiddetta medicina nucleare.

Pe dilla tutta ce sarebbero pure artri rifiuti radiattivi che andrebbero dentro sti 67 posti, cioè quelli che se producono co attività industriali e de ricerca. Quindi, pe riassume, er totale de sti rifiuti da nasconne se chiama ngergo “a bassa intensità”.
Ah ma quindi nun stamo a parlà de centrali nucleari? E nvece sì, zì, perché er problema ce sta sempre. ‘Nfatti i rifiuti che avemo prodotto ner passato cor nucleare, che se chiamano “ad alta intensità” appunto, dovrebbero esse messi dentro a ‘n deposito unico europeo, su cui però stamo ancora a discute co l’altri Paesi.

Mentre chiacchieramo come vecchiette in piazzetta, però, pure sti rifiuti vanno temporaneamente dentro a ste aree, pe esse poi spostati definitivamente dentro a ‘n sito supersicuro in comune co l’altri.

Ma diceva mi’ nonna “fidasse è bene, nun fidasse è mejo”.
Pe’ mo c’avemo na cosa, redatta da capocce esperte, che se chiama “carta nazionale delle aree potenzialmente idonee” e se sta a cercà de renne “partecipato” il metodo pe sceglie ste aree, che alla fine se chiamano tutte ‘nsieme Deposito Nazionale.

Partecipa tu che partecipo io, mejo trovà in fretta ‘n posto sicuro pe’r momento e de sicuro mette ‘na croce e seppellì pe sempre er discorso dell’energia nucleare. Che quella, o sapemo, ‘a dai pe morta e ‘nvece è ‘no zombie de merda.

#worthwearing#cambiamenticlimatici#crisiclimatica#climatechange#porcodue#sostenibile#sustainable#urban#science#climateactionnow#actnow#zombie#rifiutiradioattivi

Fonti:
https://www.lanuovaecologia.it/nucleare-deposito…/
https://www.depositonazionale.it/

Rifiuti radioattivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto