‘a MISSIONE PLANK

« C’è grossa crisi, qua non sappiamo più quando stiamo andando sulla terra, ti chiedi, come mai? Come dove nel mondo? Dove chi? Perché quando? »
[Quelo]

LA GENESI – FINIAMO DALL’INIZIO

C’era na vòrta, quanno l’universo era ‘n pischelletto, prima de’e stelle e de li pianeti, che tutto stava appiccicato, era più denso, più cardo e invaso de un uniforme bagliore diffuso da na rovente nebbia bianca, ‘n bagno turco de elettroni e protoni, con miriadi de fotoni emessi e spansati da un lato all’altro der cumulo de nebbia.

Ma poi l’universo ha cominciato a espannese e la nebbia a raffreddasse.

Mentre che tutto se raffreddava, protoni ed elettroni smisero de fà le orge dentro ar bagno turco e se ammischiarono a coppie pe formà atomi de idrogeno neutro. E coppietta dopo coppietta la nebbiolina der bagno turco se diradò e er bagliore opaco degli albori scomparve. L’universo divenne trasparente – come la carta de un supplì ignorantemente fritto.

Co la grande ricombinazione, quanno tutti li protoni se trovarono l’elettrone che faceva pe loro, smettendo de annà a fà serata coll’amichi – quell’infami, seguì anche ‘a grande fuga dei fotoni, quanno le coppie lasciarono annà i fotoni de troppo, finarmente libberi de viaggià pe l’universo senza esse spansati ogni due pe tre dai protoni e elettroni ubriachi fracichi ner bagno turco.
Sti fotoni della grande fuga hanno continuato a propagasse e fà la vita da single pe un pochino de tempo – tipo 13 miliardi de anni – ma cor tempo se so pocopoco incanutiti e hanno mezzo perso er vigore de quanno erano pischelli, pe un motivo intrippante a dire poco. Coll’espansione doo spazio, ‘a lunghezza d’onda de sti fotoni matusa s’è allungata – che vordì anche che la loro energia s’è abbassata. Nati leoni, arrivati gattini.

E arivamo ai giorni nostra, alla missione Planck e a sto post strafico. Sti fotoni gattini sò la sorgente daa coattissima radiazione cosmica di fondo. La missione Planck – lanciata il 14 maggio del 2009 – te dipinge popo la Cappella Sistina delle spansate primordiali, la traccia lasciata mijardi de anni fa daa nebbia primordiale su sti fotoni vecchicomeercucco e che j’è rimasta appiccicata durante tutti i loro viaggi pe l’universo.

Er grande pennello de Planck è la misura daa luce nelle frequenze der lontano infrarosso co na precisione mai vista che davero Michelangelo LEVETE.
Er capolavoro de coattanza de Planck ha dato risposte a domande fondamentali sull’evoluzione dell’universo ma non ha ancora risposto a molte altre: da dove stiamo? Quando stiamo andando? Ma soprattutto, quando tornerà AVOJAGER?


La Scienza Coatta Suppli eravamo Suppli ritorneremo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.