A freddo, fa freddo

«Tranquilli, regà, le pischelle le porto io»
[Paolo “Er cazzaro” Ehrenfest]

«Daje che stasera sto carico»
[Arbert “E=MC Vagina” Einstein]

«Guarda ‘sto purciaro manco ‘na sedia m’ha dato»
[Heike Kamerlingh “Pesaculo” Onnes]

«Ma armeno ciai PES 2015?»
[Paolo “Joystick” Langevin]

«Ma manco du’ birette, ‘na cosetta?»
[Pierre “Fermento” Weiss]

Pe dilla tutta: Er 21 de febbraio der 1926 in quer de Leida ce lasciava Heike Onnes, l’omo dei ghiacci.
Ad Heike je piaceva er gelo, se prenneva er Calippo pure a Natale, nun se portava mai er maglioncino pe uscì la sera, e se beveva er tè ghiacciato che “bevipianochemotepijauncoccolone” Heike.

Ma lui niente, era un chiusino der freddo e anfatti eddaje eddaje fu er primo a liquefà l’elio, quello che si lo inali parli come Luca Laurenti, che prima de diventà liquido deve sta a -269 gradi Celsius (4 Kelvin).
Fatta sta liquefazione, l’8 aprile 1911 Onnes piazzò er mercurio nell’elio liquido e scoprì che grazie ar freddo er mercurio cominciava a condurre l’elettricità a bomba, mpratica senza perde energia, na cosa popochemai vista che anfatti la chiamò con un nome supercoatto: superconduttività.


E sta superconduttività era na robba seria, no tipo er torneo de calcetto del dopolavoro de Viterbo ma tipo come fa 300 gol co la Maggica, tanto che pe sti lavori cor mercurio Heike se beccò er premio Nobel per la Fisica ner 1913.

Mo’, tanto de cappello a Heike, ma uno che cazzo ce deve avé n’aa capoccia pe mette er mercurio ner frizze?

Comunque, naa foto, scattata nel 1920 a casa Ehrenfest, ce stanno Albert Einstein, Paul Ehrenfest, Paul Langevin, Heike Onnes e Pierre Weiss, cioè i peggio coatti dell’epoca. Si nun sapete chi sò ve manca popo l’abbiccì regà (tranquilli, potete rimedià co noi).

OnnesMercurio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.