Selen(io)

Quanto ce rimanete male quanno ve dicheno “nun sei né carne né pesce”? ‘Na cifra! Ecco, considerate che er poro Selenio, numero 34 daa tavola, c’è abituato. Che poi era pure partito bene co un nome gajardo, che deriva da Selene.. SelenE!
Nun ve sbajate co Selen, che le lettere so importanti, vecchi sporcaccioni subito a pensà a male! Selene la dea greca della Luna, ‘na cosa seria, romantica, lunatica.

Sarà pe questo che se je rode er culo, er Selenio po esse metallico o non metallico. Popo pe questo è un semimetallo co la S maiuscola, pure se dopo tutta sta presentazione, apparte quarche timida apparizione nei laser, nee celle solari e nei semiconduttori, dar punto de vista chimico nun è che er Selenio sia nfurmine de guera.
Dar punto de vista fisico quarcosa de più: po’ esse usato come fotosemiconduttore, che vordì che se lo illumini (no de immenso, basta na lampadina) sto mattacchione inizia a fa passà elettroni come se nun ce fosse un domani.

Oltre a esse lunatico, er Selenio è pure n’elemento essenziale pe nbotto de organismi, tra cui er nostro. Te lo magni ovunque: pesce, carne, vegetali…t’aiuta pure a levatte le rughe! Occhio però a nun esagerà, perchè se esageri cor Selenio te ce intossichi! Poi sbrocchi, altro che lunatico…


La Scienza Coatta e li amichi chimico-lunatici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto